Un pò di patchwork, tante stoffe, un gatto nero e un pò di me
Chi sono?
Sono casinista e incasinata. Mi chiamo Gaya, mi piace l'azzuro, i libri fantasy pieni di draghi e magia e le cose morbidose! E il gattaccio nero che vedete a destra ovviamente, la mia croce e delizia ;)
Ho provato tutti gli "hobby creativi" come vengono chiamati: punto croce, decoupage, quilling, encaustic... Ma resto fedele alla mia macchina da cucire, alle stoffe colorate (e possibilmente pelose!) e amo fare borsette. Se avete domande, proteste, consigli da chiedermi, fatelo, questo blog nasce proprio per questo.

Siti di stoffe, patchwork e simile
Punto croce in Friuli Venezia Giulia
Quilting & Needlework Message Board
Craftster
Quilter's News Network
La mia lista su Wists
Sito di beneficenza del gruppo yahoo Puntocroce

Siti che mi piacciono in generale
Neopets
Tutori stagni
Graphic garden
Leendert Jan Vis
Bloglines

Blogs dove vado volentieri

Il mondo di Ila Ricamina
Debito di Sonno
Fiordizucca
Desperate stitcher
Il suo cane sbava
The calico cat
Nel sacco con il gatto
Sono nata di domenica
Il mercante di passioni
Iridalia


Archivi
marzo 2005  aprile 2005  maggio 2005  giugno 2005  luglio 2005  agosto 2005  settembre 2005  ottobre 2005  novembre 2005  dicembre 2005  gennaio 2006  febbraio 2006  marzo 2006  aprile 2006  maggio 2006  giugno 2006  luglio 2006  agosto 2006  settembre 2006  ottobre 2006  novembre 2006  dicembre 2006  gennaio 2007  febbraio 2007  marzo 2007  aprile 2007 




Posso aiutarti? Mi trovi qui
fiorfior@tin.it


domenica, dicembre 10, 2006

Modena...delusione

Secondo il principio che è più facile per Carlo realizzare un link wireless di qualche decina di chilometri in sud Africa, di quanto lo sia per me configurare una rete di alice, eccomi finalmente riapparsa.

Tra le altre cose mia zia mi sgriderà perchè vuole sapere se parto oggi o domani e ancora non ho deciso, e invece voglio raccontarvi di Modena.

Sono stata venerdì, tre le altre cose sono dovuta andare in un giorno festivo che odio, ma neglia ltri giorni la fiera iniziava al pomeriggio e la cosa era complessa. Dopo aver lungamente ragionato sono venuta a Ferrara in treno, e me ne sono pentita terribilmente. Lo ammetto, sono una creatura viziata e metterci 3 ore per andare a Modena facendo circa 100km mi sembra insopportabile, considerando poi che in treni, autobus e supplementi ho speso almeno il doppio di quello che avrei speso in auto (considerando le stime di viamichelin, mio mito). L'unico lato positivo di andare con mezzi pubblici è che fai strane conoscenze di tutti i tipi, e la cosa è stata gradevole dato che ero già abbastanza triste per esserci dovuta andare da sola.

Ma sorvoliamo sul viaggio (e sul fatto di esser stata schiacciata come una sardina da un gruppo di scatenatissimi ragazzi diretti al motor show di Bologna, che apriva i battenti proprio venerdì) e passiamo alla fiera.



La fiera in sè non era piccola, erano utilizzati 3 padiglioni: uno dedicato al Vivere country, con cose assolutamente inutili come set di piatti con cani vestiti da sera e letti in stile orientale. L'unica cosa di rilievo era una vasca ad idromassaggio rialzata da giardino, con gazebo per poterla utlizzare anche in inverno. Una di quelle cose che si può considerare di acquistare se si ha qualche milione da buttar via e un giardino di dimensioni colossali.

Gli altri due padiglioni erano dedicati ad hobby, oggettistica e cibarie varie.

Sul cibo non commento, io non sono una patita. L'oggettistica era in alcuni casi molto bella, ma c'erano i soliti materassi, deodoranti per ambienti, creme per i calli come in ogni fiera. I negozi con materiale da hobby erano davvero pochi, con prezzi secondo me esagerati in molti casi. Esagerati confrontandoli poi con i negozi normali, una volta le fiere erano posti in cui trovare occasioni (il classico prezzo fiera scontato),ora sembrano solo e unicamente posti dove vendere a prezzi più alti approfittando della "confusione" della gente e del fatto che sono spesso oggetti non facilmente reperibili per chi sta in città più piccole.

C'era "Impronte d'autore" davanti a cui resto sempre ammirata, e da cui ho comprato come ogni anno un timbro perchè non riesco a resistere. Ma stavolta è per un regalo quindi non andrà a far compagnia agli altri 3 degli anni precedenti, intonsi.

C'era "l'ape pazza" che però non proponeva kit ma quasi unicamente oggetti già realizzati e qualche modello (bello un maialino sottopentola). C'erano "un mondo di Fantasia" e "Roberta de Marchi", con modelli davvero belli. Ne avrei presi volentieri alcuni, ma trovo esagerato spendere 13 euro per un modello, considerando anche che le istruzioni nei modelli dei primi mi sono sembrate davvero mal fatte in quelli che ho visto in passato. Ma di Roberta de Mrachi stavo per prendere questo modello, lo trovo adorabile. Peccato sul sito costi 10 euro, e in fiera ne costasse 12. Quindi mi sono guardata ben bene quello già realizzato e proverò a farne uno simile. Era riempito con chiodi di garofano e spezie e profumava in maniera spettacolosa.

A memoria poi posso dire che c'erano un paio o più di stand con materiale da decoupage, idem con perline (ma nulla a confronto con piccoli hobby (o simile, non ricordo il nome) che viene a Vicenza e che è un eden delle perline). Uno stand di stoffe, costose ma belle davvero, uno che non conoscevo "La bottega delle briciole" con ricami a punto croce (unico direi) e alcuni modelli belli ma in feltro che non amo. E uno che si chiama "Country dolls" che non trovo in rete, e che mi è piaciuto molto davvero. Fine, o quasi (mi scuso con chi ho dimenticato).

Un pò una delusione davvero, poco da comprare per realizzare oggetti, e a prezzi esosi. Un sacco di country painting che va molto e un sacco di feltro in tutti gli spessori, ma la maggior parte degli stand vendevano oggetti già realizzati con l'aggiunta di un pò di feltro o perline in un angolo dello stand.

Cosa ho preso alla fine?

Un modello di un babbo natale da uno stand di nome Il risveglio dell'antico perchè almeno un modello dovevo averlo, e loro avevano i prezzi più fattibili (7euro), un paio di campanelli, una tortiera dallo stand di Sale e Pepe per avere la borsetta (ok, sono malata, ma la borsetta era bella e la tortiera in gomma di una misura che mi mancava...cmq segnalo che oggi esce la rivista nuova con in omaggio una mini tortiera in gomma e sembrano di ottima qualità), Carlo a sua insaputa mi ha comprato il regalo di Natale...non sono riuscita a resistere al terzo passaggio davanti a uno stand che realizzava ciondoli con cristalli swarovski e filo d'argento. E ho deciso che lui voleva sicuramente regalarmelo per Natale ;o)

Poi ho evitato i libri per il peso, ma a ferrara ho preso un libro sul Kumihimo per ritentare.

E poi...ah, un mini ornamento a forma di Babbo natale, un ciondolino da regalare e mi sembra poco o null'altro.



E' stato divertente comunque, ma dato il prezzo dell'entrata (11 euro intero, 9 ridotto, 7,50 in prevendita) mi aspettavo un pò di più. E magari autobus un pò più frequenti per la fiera (1 ogni ORA!).



Scappo, o mi sgridano se non so dire a che ora parto.





PS: farò un riassunto ronamenti a casa domani o dopodomani, non li avevo fotografati tutti prima di partire...ehm. Sorry!





Technorati Tags:



powered by performancing firefox

3 Comments:

  • At 11 dicembre, 2006 11:02, Blogger Barby said…

    Ho l'ennesima la conferma che le fiere del settore sono una delusione. Cioè qualcosa da comprare si trova sempre ma piu' per giustificare l'essere andati che per la convenienza...
    Bah, il biglietto di ingresso come sempre non lo capisco!
    Baci
    Barby

     
  • At 11 dicembre, 2006 17:07, Anonymous Susy said…

    Già sapere che stai rientrando mi rende molto felice.

    Quasi quasi assumo Carlo per un collegamento Wireless da casa di mia mamma alla mia per il collegamento adsl :)

    Susy

     
  • At 12 dicembre, 2006 08:34, Blogger Viviana said…

    Se impari il Kumihimo, io ti prenoto già fin d'ora per avere due tie (rosa) per il mio Haori!

     

Posta un commento

<< Home




Get awesome blog templates like this one from BlogSkins.com