Un pò di patchwork, tante stoffe, un gatto nero e un pò di me
Chi sono?
Sono casinista e incasinata. Mi chiamo Gaya, mi piace l'azzuro, i libri fantasy pieni di draghi e magia e le cose morbidose! E il gattaccio nero che vedete a destra ovviamente, la mia croce e delizia ;)
Ho provato tutti gli "hobby creativi" come vengono chiamati: punto croce, decoupage, quilling, encaustic... Ma resto fedele alla mia macchina da cucire, alle stoffe colorate (e possibilmente pelose!) e amo fare borsette. Se avete domande, proteste, consigli da chiedermi, fatelo, questo blog nasce proprio per questo.

Siti di stoffe, patchwork e simile
Punto croce in Friuli Venezia Giulia
Quilting & Needlework Message Board
Craftster
Quilter's News Network
La mia lista su Wists
Sito di beneficenza del gruppo yahoo Puntocroce

Siti che mi piacciono in generale
Neopets
Tutori stagni
Graphic garden
Leendert Jan Vis
Bloglines

Blogs dove vado volentieri

Il mondo di Ila Ricamina
Debito di Sonno
Fiordizucca
Desperate stitcher
Il suo cane sbava
The calico cat
Nel sacco con il gatto
Sono nata di domenica
Il mercante di passioni
Iridalia


Archivi
marzo 2005  aprile 2005  maggio 2005  giugno 2005  luglio 2005  agosto 2005  settembre 2005  ottobre 2005  novembre 2005  dicembre 2005  gennaio 2006  febbraio 2006  marzo 2006  aprile 2006  maggio 2006  giugno 2006  luglio 2006  agosto 2006  settembre 2006  ottobre 2006  novembre 2006  dicembre 2006  gennaio 2007  febbraio 2007  marzo 2007  aprile 2007 




Posso aiutarti? Mi trovi qui
fiorfior@tin.it


lunedì, febbraio 27, 2006

Venezia!

Ed eccoci alla partenza. Dopo lunghe meditazioni ho deciso che i vichinghi erano la soluzione migliore. Gli elmi (presi da Marchi gomma!) sono leggeri, e si vedono da lontano, e in più ho anche messo sotto il paraorecchie che ci stava tutto visto il freddo! Per il resto la canoa non era molto decorata, solo uno scudo (che tra l'altro intrigava) infilato nella reticella, ma era difficile fare altro senza renderci la vita difficile. Ma i baffi di Carlo (originali!) erano talmente vichingheschi che il tutto era davvero carino!
E qui potete ammirare il varo della canoa, presa per capodanno (quando avremmo dovuto usarla per andare a Campalto) e tenuta in plastica in attesa fino a ieri. La canoa è una Twin Oasis, in polietilene, l'unica a stare sopra alla mia macchina...



E devo dire che è comoda davvero, i sedili sono anatomici sul serio (e credeteci, ci sono stata seduta per... 8 ore? più o meno direi), il gavone è un pò piccolo ma per giri brevi è davvero perfetta.

Ed ecco gli altri partecipanti (pochi purtroppo, ma il tempo non era entusiasmante, coperto anche se non ha piovuto finchè non abbiamo caricato la canoa per il viaggio di ritorno sull'auto. In compenso mentre la scaricavamo diluviava ma meglio così....si è sciacquata!)



Due ragazzi dell'associazione Arcobaleno, Roberta (in versione gattina), Tito e due canoisti di Modena (purtroppo nella foto ne vedete solo uno).

Domani metterò altre foto di Venezia dai canali (ad esempio, mai visto il ponte dei sospiri...da sotto?), la giornata è stata splendida e divertentissima nonostante il tempo coperto, e sono ultra felice di esserci stata (anche se Carlo poverino era davvero stanco e non so come abbia fatto a reggere...pagaiando per la maggior parte del tempo al ritorno perchè io avevo un crampo alla mano per di più!).
La giornata è stata lunga davvero, e non andavamo in canoa da settembre (o anche agosto a dirla tutta), quindi oggi ho scoperto l'esistenza (dolorosa) di molti muscoli che non mi dicevano nulla da tempo...meno di quanto avrei creduto però, sono soddisfatta.

Notizia di servizio, avevo deciso di mettere i post bilingue un pò per far pratica un pò perchè forse qualcuno poteva essere incuriosito ma non capire. Dato però che non ho mai avuto un commento da ragazze straniere tornerò per un pò al più facile italiano, PIGRA!
E ora vado a dormire, domani dovrei fare cose serie e probabilmente andare a Muggia la sera (sempre se Roberta è tornata oggi).
Buonanotte!
mood| happy]

6 Comments:

  • At 28 febbraio, 2006 08:43, Anonymous melanele said…

    Che forti! Ci credo che tutti vi fotografavano... ma non avevi paura dei vaporetti che vi passavano vicino?

     
  • At 28 febbraio, 2006 09:44, Blogger Gaya said…

    Altrochè! Ho scoperto che la "viabilità" a Venezia è puro caos e prepotenza, di solito passa chi è più grosso o urla di più. Abbiamo avuto la nostra dose di insulti sia da motoscafi che da gondole, e vaporetti che ci suonavano dietro, ma il problema grosso è che tutti quelli a motore alzano moltissime onde perchè sono a fondo piatto solitamente. Ma il vero shock è stato vedere passare nel bacino di san Marco una nave della Anek lines...da crociera...abbiamo fatto dietro front e siamo tornati rapidamente nei canali!

     
  • At 28 febbraio, 2006 12:16, Anonymous Gorgoglio said…

    Ero lì mentre passavate, mi ricordo di aver visto delle canoe :))

     
  • At 28 febbraio, 2006 13:37, Blogger antonella said…

    avete trascorso tutto il tempo in acqua? senza buttarvi nella mischia?

    antonella

     
  • At 28 febbraio, 2006 14:31, Blogger Gaya said…

    Sul serio ci hai visto Barbara? Credevo fossi già tornata domenica!Peccato per il tempo un pò coperto, ma la giornata è stata bellissima.
    Antonella: Siamo scesi per pranzare ma purtroppo non c'è stato tempo di fare una passeggiata come avremmo voluto, tra organizzazione e tutto abbiamo pranzato tardi e già così siamo arrivati alle auto che era già buio.

     
  • At 03 marzo, 2006 15:16, Anonymous Gorgoglio said…

    siamo tornati domenica sera, in giornata ero ancora in giro per Venezia :)

     

Posta un commento

<< Home




Get awesome blog templates like this one from BlogSkins.com